Meteo

Click for Avarua, cook Forecast
  • A Avarua sono le:
  • del giorno:
line

Visualizzazione ingrandita della mappa
line

Sei in: I paesi tropicali --> Cook
line

Cook


Con quelle montagne ricoperte di foreste e una laguna che circonda tutta l'isola, Rarotonga è una piccola Tahiti. Solo che ci sono meno hotel appariscenti e più alloggi budget dove fermarsi. Invece Aitutaki è un po' come Bora Bora, una sintesi di atollo e isola alta, e una laguna considerata da alcuni viaggiatori la più bella del Pacifico.

Le isole Cook si trovano al centro del triangolo polinesiano, in quell'immensa regione insulare delimitata ai tre vertici dalle Hawaii, la Nuova Zelanda e l'isola di Pasqua: a est delle Cook c'è la Polinesia francese, ad ovest Samoa e Tonga.
L'arcipelago è composto di 15 isole di origine vulcanica, convenzionalmente suddivise in due gruppi. Le isole settentrionali si elevano pochi metri sul livello del mare e sono per lo più atolli corallini: il vulcano è sprofondato e al suo posto c'è un'ampia laguna.
Il gruppo meridionale invece è, geologicamente parlando, più giovane e anche più eterogeneo: comprende isole alte e montuose, come Rarotonga, e isole che stanno nello stadio intermedio, con ancora i resti degli antichi coni vulcanici e, allo stesso tempo, uno scheletro madreporico che già emerge dal mare, formando attorno all'isola una corona di piccoli motu. Aitutaki ne è un incantevole esempio.

Poi ci sono le isole come Atiu, risultato di un innalzamento dal fondo oceanico dell'isola e delle scogliere ad essa associate, per opera delle forze tettoniche: le strutture coralline, che centomila anni fa giacevano sommerse, si sono sollevate per decine di metri e morendo, hanno creato terrazzi corallini fossili, chiamati makatea. E' una stranezza geologica che si osserva, oltre che alle Cook, solo a Niue, in un paio di isole delle Tuamotu e della Nuova Caledonia e nelle Trobriand di Papua Nuova Guinea.
Atiu si presenta con un entroterra di colline fertili, un margine esterno di makatea, aguzzo e costellato di grotte e caverne, e una stretta laguna chiusa da un reef pieno di vita marina. Fu scoperta nel 1777 dal solito capitano Cook, il quale tuttavia non arrivò mai a Rarotonga e delle 15 isole ne segnò sulle sue carte solo 5; cinquant'anni dopo un russo pensò comunque di dare il nome del grande navigatore a tutto l'arcipelago.

Le Cook sono un posto tranquillo, un angolo di mondo piuttosto isolato dove vive una popolazione di circa ventimila abitanti, quanto quella di una nostra cittadina di provincia. La vita scorre con i ritmi di sempre, quelli della Polinesia francese di vent'anni fa.
I cookislanders sono gente verace, amichevole e ospitale. Gli stranieri trovano perciò una calda accoglienza ma anche strutture di ottimo livello, a prezzi competitivi se paragonati ad altre destinazioni della Polinesia, spesso troppo votate alle logiche onnivore dell'industria turistica.
Anche il folclore è genuino, le Cook vanno famose per le islands nights del venerdì sera: si comincia con un buffet di pollo, pesce, taro, riso e frutti dell'albero del pane e si prosegue con chitarrine, cori e percussioni: ragazzoni locali e belle danzatrici si scatenano al ritmo del tamurè, in uno spettacolo che coinvolge anche il pubblico presente. Si dice che persino i percussionisti di Tahiti abbiano più volte tentato di copiare i ritmi indiavolati delle Cook.
Insomma a Raro sanno come divertirsi: molti bar dell'isola hanno happy hours che cominciano a mezzogiorno e durano fino alle sei del pomeriggio.

Non che a questa gente manchino i problemi. Come nella maggior parte delle piccole nazioni del Pacifico, le importazioni superano di gran lunga le esportazioni, e il costo della vita è alto. Le Cook sono diventate indipendenti nel 1965, dopo una lunga dominazione britannica, seguita da un periodo di protettorato della Nuova Zelanda; ma sono in larga misura ancora dipendenti dal governo neozelandese, che elargisce aiuti per colmare il grave disavanzo dovuto alle scarse capacità produttive delle isole Cook.
L'attività economica principale è il turismo ma una voce importante del bilancio è costituita dalle rimesse degli emigrati che vivono numerosi in Nuova Zelanda e in Australia. Chi ha deciso di restare ha trovato lavoro anche nel settore delle perle, nell'industria ittica e in quella dei fiori da taglio.

I primi turisti ad arrivare alle Cook ammaravano nella laguna di Aitutaki con gli idrovolanti della Tasman Empire Airways Ltd, oggi Air New Zealand. Erano gli anni 50, e la compagnia operava la leggendaria Coral Route, un servizio confezionato per pochi eletti, avventurieri, attori e scrittori famosi, che viaggiavano da Auckland a Tahiti passando per Fiji, Samoa e Cook.
Il motu di Akaimai veniva usato come stazione di rifornimento dei velivoli; i passeggeri approfittavano della sosta di qualche ora per fare un tuffo nella laguna ma non mancavano i problemi tecnici, così lo scalo poteva anche durare qualche giorno. Il servizio continuò con Air New Zealand, che lo estese a molte altre isole: lungo la Coral Route si attraversava tutto il Pacifico, viaggiando da Los Angeles fino alla Nuova Caledonia senza limiti di stop con un unico biglietto valido un anno.
Ma l'island-hopping non va più di moda, i turisti vanno e vengono nel giro di due settimane e cercano un volo che li porti a casa nel minor tempo possibile. Così nel 2007 la Coral Route è stata definitivamente cancellata e chi vuole viaggiare tra Rarotonga, Papeete e Suva deve necessariamente passare per Auckland.

Gli innamorati del Pacifico troveranno alle Cook quell'atmosfera molto speciale che si respira in Polinesia all'ombra delle palme, davanti ad un tramonto infuocato o sul bordo di una laguna trasparente.
Intendiamoci, non che si tratti dell'ultimo paradiso, anche Rarotonga si è trasformata e globalizzata, ma ci sono ancora molti posti autentici. Chi non ama la folla deve solo compiere lo sforzo di raggiungere le isole minori; in ogni caso, un viaggio alle Cook sarà sicuramente un'esperienza indimenticabile.

continua a leggere: Perché andare - cosa puoi fare e cosa puoi vedere

     


Hai un sito o un blog? PaesiTropicali.com ti è piaciuto? allora regalaci un Link
Con il tuo aiuto il nostro portale diventerà sempre più utile e interessante. Grazie.



line line line
  • Paesi

line