Meteo

Click for Suva, fiji Forecast
  • A Suva sono le:
  • del giorno:
line

Visualizzazione ingrandita della mappa
line

Sei in: I paesi tropicali --> Fiji
line

Fiji


A Taveuni, nella regione orientale dell'arcipelago delle Fiji, un cartello e una boa luminosa indicano il passaggio di quel mito geografico che è il 180° meridiano: ad ovest è oggi, ad est è ancora ieri.
Poco importa se la linea del cambio di data non coincide più con il meridiano geografico, questo apparente paradosso continua ad affascinare ancora oggi. Basta ricordare quanto il problema della longitudine e della misura del tempo abbia ossessionato i primi navigatori europei che circumnavigavano il globo da est verso ovest, cioè in senso opposto alla rotazione terrestre: per quanto fossero accurati i loro diari di bordo, tornati in patria si accorgevano con stupore di aver perso un giorno.

Il viaggio alle Fiji dall'Europa è un mezzo giro del mondo che, macinando fusi orari, arriva agli antipodi.
"The first newspaper published in the world today" è il sottotitolo riportato, non senza una certa ostentazione, dal Fiji Times, il quotidiano delle isole che, a ovest della linea del cambio di data, sono il primo paese al mondo dove sorge il sole.
Ma il tempo alle Fiji è un concetto astratto, che mal si adatta alla mentalità e all'anima rilassata di queste genti, da sempre poco inclini a orari e scadenze.
Fatalisti come molte popolazioni del sud pacifico, i fijiani autoctoni sono di origine melanesiana e ne conservano i tratti, come pelle scura, capelli crespi e corpo tozzo, che però nei fijani sono ingentiliti dalla fusione con le statuarie razze polinesiane. Come polinesiane sono anche la cultura e l'organizzazione sociale.
Ne sono un esempio il concetto del condividere o l'offerta di doni in segno di rispetto o la tradizione della kava, che sancisce il momento in cui si diventa amici, un vero e proprio rito dell'ospitalità che racconta di un tempo, nemmeno troppo lontano, in cui gli ospiti non erano sempre ben accetti dai fijani.
Chi veniva trovato fuori dal villaggio finiva dritto in pentola, per essere poi mangiato in una festa collettiva. Un fenomeno non riconducibile ai sacrifici umani di origine pagana, piuttosto alla convinzione di possedere in questo modo il nemico e che serviva anche, perché no, ad integrare con proteine nobili la dieta povera degli isolani.

Oggi i fijani sono una popolazione mite e cordiale, che accoglie i visitatori con un sorriso aperto e con il tradizionale bula di benvenuto. E con la kava, la fangosa bevanda servita in una tazza ricavata dalla noce di cocco, un'offerta di amicizia che non viene rifiutata a nessuno.
O quasi, visto che anche le comunità fijane hanno i loro problemi di convivenza, soprattutto con l'etnia di origine indiana, con la quale vivono da separati in casa.

Gli indiani, emigrati qui durante la colonizzazione inglese per provvedere alle piantagioni di canna da zucchero, sono oggi il 45% della popolazione e hanno in mano la quasi totalità dei commerci. L'integrazione tra le due culture, così disomogenee per carattere e stili di vita, non è mai avvenuta perché entrambi i gruppi si sentono padroni a casa loro.
Un pentolone tropicale di conflitti etnici, messo a sobbollire da anni; e ogni tanto il coperchio si solleva con uno sbuffo.
L'ultimo è stato nel dicembre 2006, l'ennesimo colpo di stato. Le cronache occidentali ne parlano poco, forse perché sono eventi per lo più incruenti e quasi folcloristici in aree, come quelle del pacifico, così benedette dalla natura.
Ma la democrazia ne risente eccome: nell'aprile 2009 è stata sospesa la Costituzione e di elezioni se ne parlerà, forse, nel 2014. Un clima sociopolitico ed economico che sa poco di paradiso tropicale.
Anche l'industria turistica è in crisi, con la perdita di migliaia di posti di lavoro. Ragione di più affinché, sotto la spinta di un turismo responsabile, per consumistico che sia, queste isole tanto sognate possano trovare una leva economica e, perché no, un motivo di pacificazione.

continua a leggere: Perché andare - cosa puoi fare e cosa puoi vedere

     


Hai un sito o un blog? PaesiTropicali.com ti è piaciuto? allora regalaci un Link
Con il tuo aiuto il nostro portale diventerà sempre più utile e interessante. Grazie.



line line line
  • Paesi

line